Chi va là?

Sono note dolci e calde. Sono parole che spesso neanche capiamo. Sono i nervi, stimolati dai sensi a darti quell'incomprensibile peso alla bocca dello stomaco. Sono come sogni interrotti prima che ti venga svelato il viso di chi interagisce con te. Sono fugaci immagini che ti appaiono nella mente, danzando musica irlandese e bevendo idromele. Sono il preciso momento in cui pensi "ma che cazzo me ne frega". Sono una risata che scoppia all'improvviso, di quelle che fan male alla pancia, alla mandibola. Di quelle che singhiozzi "smettila che non respiro". Sono il fumo di un camino misto all'odore di neve. Sono accordi che stimpelli facendo finta di essere innanzi ad una folla. Lì per te. Questa poi..Sono gusto di fragole e reazioni spiacevoli. Grandi pensieri e voglia di viaggiare. Sono i ricordi di quella serata, di quell'abbraccio, di sabbia nei capelli e nelle mutande. Mojito. Ebbro sali quegli scalini, sbattendo qui e là. Intorno voci esotiche, voci straniere. Sorrisi e occhi interrogativi. Sono un'africana scalza ed una birra in un negozio di amici. Paglia o non paglia. Niente piscina. Ricordi di onde perfette. Una salamella bruciata. Questo sono. Ma molto altro ancora.

1 commenti:

Baol ha detto...

Sono un sacco di roba bella, come al solito!