La leggenda del Clan del Brancher - Cap. 4 - Tu sei un fottuto genio.

Giovedì 14

Dell'estate mi piacciono tutta una serie di cose, ma credo che tra tutte, quella che più mi colpisce è il simbolismo che le sta dietro. Nessuna stagione è così ricca di ricordi, di spunti, di segnali. Collane, cavigliere. La sabbia che penetra nei punti peggiori. Il profumo delle creme. La pelle unta, o la pelle secca, Le pagine dei libri, sgualcite dal sole o dall'asciugamano umido nello zaino.
Siamo in viaggio in questo momento e scrivere su questo mio quaderno, gradito dono dell'indimenticabile Basheer, è un'impresa titanica.
Le tempeste strillano sempre forte sopra le nostre teste, si direbbe che ci stiano seguendo. O forse noi loro, in effetti non abbiamo idea di quali siano le previsioni meteo: da esperti viaggiatori quali siamo non ci siamo minimamente preoccupati di studiare le previsioni e, cosa peggiore, continuiamo a non preoccuparcene.
Bilbao ci attende con in dote un'altra festa da semana granda, siamo carichi! Stravaccato in fondo al furgone osservo i miei compagni di viaggio o la strada scappare dal finestrino posteriore. Hurricane nelle orecchie. E una ruota a terra.

0 commenti: