Espressionismo e altro.

Il Re accompagna i miei sbalzi di umore, di fiducia, di convinzione. Unica certezza: il Re c'è. E' lì che ascolta i miei deliri ed i miei sfoghi... ooh ooh ooh, i feel my temperature rising.... your kisses lift me higher... un quadro in definitiva, un primo piano. Sguardo fisso, austero, ma interrogativo. Un non-sense?! Forse, ma questo è il mio quadro.
Tra l'altro quadro multimediale, perchè qui cambia la musica....

Più riflessiva, più down to the river. Dicevo del quadro, ottima fattura, pennellate sicure e molto omogenee, un mezzo capolavoro insomma. Si tratta di un primo piano, un ritratto, non so bene se abbia una connotazione particolare. Mi piace pensarlo un po' impressionista, un qualcosa che ricordi le ragazze di Gauguin, come cantava Grazia di Michele; credo che neanche lei ormai se lo ricordi... le ragazze di Gauguin dentro gli occhi hanno il sole e lampi di uragani e la notte le accenderà!
Questa la risparmio.
Tornando al quadro, un bel primo piano ed uno sfondo. Sfondo molto colorato, diciamo un po' tutte le tonalità. Gli oggetti più lontani stranamente più definiti, facilmente identificabili; man mano che il paesaggio si avvicina al primo piano, perde i contorni, perde la definizione. Sfuma in taluni casi, assume un effetto liquefatto in altri. Sempre molto colorato, vivace.
Il primo piano è perfetto. Perfettamente reso in tutte le sue imperfezioni, purezza e sofisticazione, austerità, come dicevo, ma incognita. Uno sguardo profondo, tende in maniera quasi impercettibile il collo verso l'alto. E un po' a destra. 
Cerca di vedere al di là di colui che sta dipingendogli il presente, ma cerca di non dare nell'occhio, di non muoversi dalla posa. Già, la posa. Imposta dal pittore al suo soggetto, in base allo sfondo immagino...sì, un po' più a destra che lì ci sono delle meravigliose violette appena sbocciate! non vogliamo mica coprirle col tuo nasone?! Che diamine. Non sia mai!
Che poi sono le stesse violette che raccoglieva Andrea ai bordi del pozzo. Ma pare sia un'altra faccenda.

Scruta che ti scruta, il primo piano si accorge di un altro quadro. Direi esotico. Questo la mente consiglia, questo porge. Un viaggio, stranieri e buoni sentimenti. Ma sì che ci piacciono i buoni sentimenti. Accompagnati da buon vino. E del grana direi, che di esotico ha poco.
Tramonti, mojito e profumo di doposole. Caldo che scalda le ossa e vento che rinfresca la pelle. Una palma sotto la quale dormire e gabbiani che ti svegliano. Cocco, ananas e collanine. Grosse onde e mare pulito, un furgoncino con alcune tavole da surf sul tetto, spiagge bianche e semi-deserte. Un piccolo chiringuito fatto di rami di palme. Infradito e costume da bagno. Una chitarra hawaina e un sax.
Bel quadro anche questo.

4 commenti:

Alessandro Adami ha detto...

Quest'ultimo quadro sarà presto un ricordo indelebile che brucerà sulla nostra pelle anche di notte!

Alessandro ha detto...

Ehm.. appena scritto un post su quest'ultimo quadro prima di leggere come tu l'abbia ben dipinto.. e rosico ancora di più!!!!!

Baol ha detto...

Ciao Spider!

quello che tu fai con Bruce io lo faccio con Faber ;)

MARGY ha detto...

ovunque tu sia ...BUONE VACANZE!! (sperando tu sia in vacanza )
CIAO RAGNETTO!! ;)